ASSEMBLEA COSTITUTIVA DEL COMITATO SCIENTIFICO DI REAL-ESTATE4.0: PRESENTAZIONE DELL’OSSERVATORIO GIURIDICO

Relazione del Direttore dell'Osservatorio Avv. Maurizio Cirelli

CONDIVIDI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Avv. Maurizio Cirelli - Comitato Real-Estate4.0
Avv. Maurizio Cirelli – Comitato Real-Estate4.0

Grazie Alessandro e grazie a tutti gli intervenuti a questo evento.

Era da tempo che con Alessandro sentivamo l’esigenza di creare un luogo nel quale avere la possibilità di dialogare e confrontarci con i diversi operatori che professionalmente si occupano di real estate.

Per tale ragione abbiamo ritenuto che un osservatorio giuridico all’interno del Comitato possa essere lo strumento più adatto.

Tradizionalmente un osservatorio giuridico risponde alle esigenze di aggiornamento sulla elaborazione legislativa e giurisprudenziale.

Il nostro Osservatorio però non si limiterà ad una elencazione di pronunce giurisprudenziali o di provvedimenti normativi.

Il nostro Osservatorio sarà uno spazio neutrale di confronto per un dialogo tra le diverse figure professionali e specializzazioni coinvolte, con l’obiettivo di ridurre la distanza tra teoria e prassi.

Quindi sarà utile per ricomporre la casistica e la normativa ma sarà importante per avere un costante confronto con gli operatori che quotidianamente si occupano della materia.

Riteniamo che proprio la possibilità di avere un canale diretto e privilegiato con gli operatori sia il valore aggiunto del nostro osservatorio: dunque un Osservatorio giuridico che affronta con la qualità di tutti coloro che oggi sono presenti, temi concreti;

un Osservatorio che si propone di essere una interfaccia tra il mondo della conoscenza e quello del creare, fare impresa;

un osservatorio che vuole creare “valore aggiunto” per tutti i partecipanti alla nostra comunità.

Abbiamo messo a punto un programma di temi sia di carattere tradizionale che innovativi, da affrontare. Saranno formati dei gruppi di lavoro in base alle diverse professionalità che i temi richiederanno.

Vi saluto e vi ringrazio per l’attenzione nella speranza di realizzare insieme qualcosa di nuovo, di cui forse in questo particolare momento storico, sentiamo tutti la necessità. Grazie.

 

Archivio articoli correlati